TU SEI QUI >> RUBRICHE / COMMISSARIO-LO-GATTO / Interrogatorio ad un art-director
Interrogatorio ad un art-director
Federico Mauro, art-director di Fandango, sotto torchio confessa tutto
- COMMISSARIO-LO-GATTO /
Il cinema, da qualsiasi punto lo si osservi, è un fenomeno collettivo.

Il processo che porta un´idea, una storia, un racconto, una serie di visioni a trasformarsi in un linguaggio fatto di immagini e suoni è complesso e articolato, e coinvolge decine di persone, ognuna con un ruolo a suo modo indispensabile.

Tra il film e le centinaia, migliaia o, si spera, milioni di persone che si accomoderanno in sala per vederlo e viverlo attraverso gli occhi, c´è una interfaccia, così importante e fondamentale che, paradossalmente, spesso la sua funzione non viene presa in considerazione.

Quell´interfaccia è la comunicazione, ovvero il processo attraverso il quale si costruisce l´immagine di un film e si fa in modo da agevolare il percorso, fatto di corteggimento, seduzione e convincimento, che porta le persone a fare la fila al botteghino, pagare il biglietto e sedersi su una bella poltrona al buio fissando un telone su cui scorre il sudato lavoro delle decine di persone di cui sopra.

Se questo processo di comunicazione fosse una nave, il suo compito sarebbe quello di veicolare container pieni di suggestioni e virus che fanno insorgere curiosità, e il capitano di questa nave sarebbe colui che, nella realtà dell´industria cinematografica, svolge il ruolo di art-director.

Per capire cosa succede su questa nave affascinante, abbiamo interrogato Federico Mauro, colui che attualmente può essere tranquillamente considerato uno dei più bravi, moderni, lucidi e promettenti capitani/art director di tutto lo scenario italiano.

Trentadue anni, Irpino di nascita ma trapiantato a Roma dopo la laurea in Comunicazione, Federico è Art Director della Fandango da quasi tre anni, collaboro come multimedia designer e social media strategist per altre agenzie di comunicazione ed è quello che si definirebbe un uomo che mangia, beve, respira e sogna cinema.


Scegli il Film: Quanto e in che modo credi che la comunicazione o, se preferisci, la promozione di un film ne possa influenzare la ricezione da parte del pubblico?


Federico: Il lavoro che faccio in Fandango mi ha insegnato a distinguere i due momenti.
Ovvio che tutte le attività di comunicazione a supporto di un´opera come un film (o un libro) sono comunque finalizzate ed utili alla sua diffusione, promozione e distribuzione, però io credo che l´approccio possa essere diversificato.

Mi spiego.
Credo che ci siano delle attività di comunicazione che per un film possano essere ´estensive´ della propria dimensione di prodotto culturale e non solo finalizzate all´aspetto promozionale o di vendita.

Oggi il web, i social ed i new media sono strumenti straordinari di diffusione, ad esempio, di materiale audiovisivo legato al film. E questo aspetto può divenire un "modello di narrazione" del film stesso.
Poco tempo fa queste pratiche erano poco diffuse o comunque, ad esempio, erano riferibili unicamente al momento successivo dell´uscita di un film.
Gli extra dei DVD, le scene eliminate ed una serie di contenuti esclusivi erano tutte cose (e lo sono in parte ancora oggi) che ´seguono´ l´uscita di un film.

Oggi, invece, credo che le possibilità siano diverse e per certi aspetti più interessanti.
Si può, ad esempio, seguire e comunicare un film in tutte le attività di lavorazione, e pensare di poter comunicare il ´contenuto´ del film come una attività editoriale autonome.

Il film non si ´consuma´ soltanto in sala ma può essere corredato, preceduto e seguito, da altri prodotti multimediali che ne arricchiscono la complessità e le possibilità. E dunque anche il modello di consumo e di fruizione.

Ecco, in tal senso credo che oggi sia questa la vera sfida e la vera possibilità dei new media, essere dei ´mezzi´ estensivi del prodotto cinematografico e, in virtù delle loro peculiarità, indubbiamente essenziali ed utili al posizionamento di un film sul grande pubblico.
Anche se, ci tengo a ribadirlo, non necessariamente legate al successo commerciale del film.


SiF: In che modo ti approcci nel dare un corpo, col tuo lavoro, all´immagine di un film?

F.M.: Io ho la fortuna di intervenire molto prima su un film.
Fin dalla fase di sceneggiatura, di incontro con gli autori, di visita al set...le attività di comunicazione, l´immagine del film, e le fasi creative non si basano quindi su un prodotto finito e chiuso.

Il ´contatto´ con il film, il suo senso, il suo appeal è quindi una fase molto più lunga e sviluppata.

Io cerco, per quanto possibile, di non tradire mai il film, di rispettare la sua sensibilità attraverso una lettura che comunque parte spesso da una idea personale ma che comunque passa attraverso diverse fasi di confronto e di approvazione con l´intera struttura di Fandango o con le società con cui distribuiamo i nostri film.
E´ un percorso interessante, che subisce continui stimoli ed indicazioni, a volte deragliamenti, ma è comunque sempre frutto di un percorso, mai di una scelta arbitraria o di semplice ´stile´.


SiF: La tua realizzazione di cui sei più ogoglioso e quella che, potendo, cambieresti

F.M.: Questa è una domanda difficile!
Ci sono cose che mi piacciono nell´immediato ma che poi, anche a distanza di mesi, perdono una certa fascinazione e ne rilevo spesso dei difetti...

Poi, io ho diverse competenze ed attività per cui mi è difficile dire se sono più legato ad un Manifesto o ad un Progetto Web o di Comunicazione in generale.

Se proprio devo indicare qualcosa ti dico che tutto quello che è stato fatto su Diaz, l´intera campagna web e progetto grafico... credo sia stato molto bello ed importante. Ed è costato davvero un anno di lavoro.

Così come, ad esempio, l´ultimo lavoro che ho fatto per il manifesto del film di Matteo Garrone ´Reality´ lo ritengo un risultato interessante.

Ma queste osservazioni, francamente, dovrebbero farle più gli altri...


SiF: Art Director, Registi, Attori, Musica: quali sono i tuoi "santini personali" e quali quelli che invece sono un punto di riferimento più forte/vivo nel tuo lavoro

F.M.: Altra domanda difficilissima!
E´ un calderone enorme che va da Dario Argento a Saul Bass, a Stanley Kubrick a Sergio Leone, da Blair Witch Project a JJ Abrams davvero, non so che dire... le mie suggestioni e derivazioni sono tantissime... farei un´ingiustizia a citarne alcune... ne dimenticherei troppe!


SiF: Un´ultima domanda, doverosa: i tuoi progetti futuri?

F.M.: A breve partirà la nuova campagna di Comunicazione per il film con Antonio Albanese "Tutto Tutto Niente Niente" in uscita a Natale. Ci sarà davvero da divertirsi!

E poi altri film di Produzione molto interessanti... insomma... avrete modo di vedere un sacco di cose.... sperando vi piacciano.


Per scoprire qualcosa in più di Federico e del suo lavoro, non resta che vistare il suo sito, mentre per noi...l´appuntamento è alla prossima indagine!

il trailer di Step Up All In http://sceglilfilm.it/images/trailerOri/stepupallin.mp4

Download Video:MP4 - SceGliLFilM.IT

Film's & Musics - L'alternativa nell'era del post-modern, tra noia e gioia
Sons
et
lumieres
Le colonne (sonore)
del cinema
L'articolazione tra “cultura alta” e “cultura bassa” e la dialettica fra avanguardia e mainstream costituiscono uno dei nodi principali sui
Thomas Antonio Conti Paisley Scozia, Italia actor
Tom Conti
Nato da padre italiano e da madre scozzese.

Il suo ruolo cinematografico più famoso è quello sostenuto ...
Tom Conti
Wanda Tettoni Siena Italia actor
Wanda Tettoni
Ha esordito a Milano, appena sedicenne, come protagonista della commedia Uccellino azzurro di Maurice Maeterlinck, ...
Wanda Tettoni
Alessandra Mastronardi Napoli Italia actor
Alessandra Mastronardi
Alessandra Mastronardi è un'attrice italiana....
Alessandra Mastronardi
Sex Tape
Liberaci dal Male
Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie
Week End : € 649.552
Totale : € 3.213.427
Transformers 4 - L'Era dell'Estinzione
Week End : € 221.520
Totale : € 8.213.187
Anarchia - La Notte del Giudizio
Week End : € 146.847
Totale : € 1.744.287
Week End : € 126.904
Totale : € 126.904
Week End : € 91.771
Totale : € 91.771
sceglilfilm.it - 2011/2014 - ® All Right reserved - Publioscar s.r.l. p.iva./cod.Fis ; 01884961002 / 07840100585 - concept and design - W3style

in ottemperanza alla legge sull'editoria italiana, si segnala che questo sito non è un periodico, non ha cadenze di aggiornamento preordinate e prevedibili e non è una testata giornalistica. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti i nomi di prodotti e società citati nelle pagine di questo sito sono marchi dei rispettivi proprietari.